Svizzera: ancora referendum contro il pizzo alle multinazionali

Il simplicissimus

NO-a-nuovi-regali-fiscali-a-super-ricchi-e-alle-holding-720x340Il 29 aprile i ticinesi saranno chiamati a votare per approvare o meno la riforma fiscale fortemente spinta a suo tempo dall’ Ocse a difesa  dei ricchi e delle multinazionali. Forse a sentire riforma fiscale ci si immagina una busta paga più ricca, ma così non è:  si tratta solo di dimezzare le tasse alle aziende portandole dal 9 al 6,5% e facendo mancare 2 miliardi di franchi al bilancio federale che saranno compensati con tagli già previsti di 200 milioni l’anno per la previdenza sociale, altri 200 per la scuola, ulteriori 250 per la cooperazione allo sviluppo (in tema di aiutiamoli a casa loro) e tutta una serie di tagli in altri settori come la sanità ( 120 milioni) dove negli ultimi anni si sono accumulate addirittuta 60 potature di bilancio.

Già l’anno scorso questa sorta di riforma approvata dal governo era stata bocciata con un referendum nazionale, ma…

View original post 601 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...